• +39 08231440010
  • info@energyeasy.eu

Solare Termico

Che cos’è il Solare Termico?

Il solare termico è una tecnologia in grado di trasformare l’energia solare in energia termica, portando alla creazione di calore. L’energia così realizzata viene utilizzata, soprattutto nel caso dei nuclei abitativi, per il riscaldamento degli ambienti o per la produzione di acqua calda, in sostituzione, quindi, di caldaie e scaldabagni.

Come funziona l’impianto “Solare Termico"?

È opportuno considerare, per prima cosa, quali sono le unità che compongono un impianto solare termico. Nello specifico, si ha bisogno SEMPRE di:

  • un serbatoio nel quale accumulare il fluido da riscaldare
  • il pannello solare
  • il/i collettori che hanno la capacità di ricevere il calore dal sole e cederlo al fluido

Esistono differenti tipologie di impianto solare termico, ma i più diffusi sono:

  • impianto a circolazione naturale: sono basati sul principio che il fluido inserito all’interno del circuito (in questo caso l’acqua stessa) una volta riscaldato diminuisce la propria densità, salendo verso l’alto e lasciando spazio al fluido che risulta essere ad una temperatura più bassa e, quindi, più freddo, che verrà riscaldato. In questo modo, il fluido caldo (l’acqua) salendo entra nel serbatoio di accumulo (boiler) dal quale verrà successivamente distribuito alle utenze domestiche. In questo caso, proprio per sfruttare le caratteristiche fisiche dei fluidi, che tendono a salire quando riscaldati, il boiler è posto, di solito, sopra il pannello solare utilizzato. Vantaggi di questo tipo di sistemi è la facilità di costruzione ed installazione e la semplicità legata all’attività di manutenzione
  • impianto a circolazione forzata: a differenza di quello a circolazione naturale, il sistema a circolazione forzata utilizza un fluido contenuto nel collettore solare (non l’acqua stessa poi immessa nel sistema, ma del glicole propilenico) che riceve calore dal pannello e lo cede ad una serpentina presente all’interno del serbatoio che contiene l’acqua da riscaldare. In questo caso, quindi, il calore passa dal fluido alla serpentina e da questa all’acqua che viene poi distribuita alle utenze domestiche. Proprio perché il fluido del circuito non coincide con l’acqua, è possibile posizionare il serbatoio di accumulo anche lontano dal pannello solare, anche all’interno dell’edificio stesso. Il sistema descritto risulta essere estremamente efficiente anche rispetto all’impianto a circolazione naturale poichè, anche grazie al posizionamento interno del boiler stesso, è soggetto ad una minore dispersione energetica di notte e durante le condizioni climatiche avverse. Ovviamente, la realizzazione di un sistema del genere è, però, molto più complessa

Perché scegliere l’installazione di un impianto solare termico?

L’installazione di un impianto solare termico risulta essere fondamentale anche per il grande risparmio economico che è in grado di generare nel tempo. Se si presuppone, per esempio, che l’energia annua necessaria per riscaldare l’acqua è pari a circa 15.840 Mega-Joule, è possibile calcolare, partendo dal costo unitario di ogni singola fonte energetica, il risparmio che si ottiene attraverso l’utilizzo di un impianto solare termico: è possibile risparmiare circa 190 euro/anno rispetto al costo sostenuto per l’utilizzo dell’energia elettrica e, addirittura, 410 euro/anno rispetto all’utilizzo del GPL, 280 euro/anno se si prende in considerazione il metano e 660 euro/anno se per il riscaldamento viene utilizzato uno scaldino elettrico. Il secondo grande vantaggio è sicuramente di natura ambientale: la quantità di CO2 emessa nell’atmosfera è pari a zero, come pari a zero sono le emissioni di polveri, ossidi di azoto e ossidi di zolfo, contrariamente a quanto avviene se vengono utilizzati scaldabagni elettrici o caldaie a metano: in questo caso, infatti, si avrà un emissioni di CO2 pari a 2222kg/anno per famiglia nel caso dell’utilizzo dello scaldabagno, mentre 1176 kg/anno nel caso delle caldaie a metano.

È possibile accedere a sconti e/o incentivi?

Ovviamente, si ha la possibilità di usufruire di incentivi che hanno l’obiettivo di agevolare la scelta e l’installazione di sistemi come quelli descritti in precedenza. In questo caso, c’è la possibilità di usufruire o di una detrazione fiscale, detta “Ecobonus”, oppure dell’incentivo “Conto Termico”. L’Ecobonus prevede una detrazione fiscale pari al 65% della spesa sostenuta fino ad un importo massimo di 60.000 euro per unità immobiliare; il Conto Termico è, invece, un incentivo che permette di accedere ad un contributo economico che varia fino ad arrivare al 65% delle spese sostenute.